Fare l'animatore - 3º Incontro Animatori 2015

OE2015

 

11.05.2015 - 3º Incontro Animatori 2015

FARE L'ANIMATORE IN ORATORIO

Sette premesse

  1. Fare l’animatore in oratorio non è di tutti, non è per tutti
    Non tutti sono chiamati a fare l’animatore in oratorio
  2. Fare l’animatore in oratorio è una scelta personale:
    è una decisione e un impegno che vanno presi con il don
  3. Fare l’animatore in oratorio domanda un impegno a partecipare
    agli incontri formativi del gruppo adolescenti il lunedì sera
  4. Fare l’animatore in oratorio non è una cosa che si improvvisa,
    domanda una preparazione accurata
  5. Fare l’animatore in oratorio è scegliere di imparare a dare il proprio
    tempo “gratis” all’oratorio e agli altri
  6. Fare l’animatore in oratorio è voler bene all’oratorio,
    cioè volere il bene dell’oratorio che è il bene dei ragazzi
  7. Fare l’animatore in oratorio è mettersi al servizio dell’oratorio

Tre domande

  1. Perché voglio fare l’animatore in oratorio?
  2. Se ho già fatto l’animatore in oratorio:
    Che cosa ho trovato di positivo?

    Che cosa ho trovato di meno positivo e che va cambiato?
    Che difficoltà ho incontrato?
  3. Che cosa, secondo te, è da chiedere
    a chi decide di fare l’animatore in oratorio?

Tre desideri di don Enrico da ricordare

  1. Desidero conoscere personalmente chi decide di fare l’animatore in oratorio, per creare una sintonia  e lavorare insieme
  2. Desidero  sapere le ragioni per cui uno vuol fare l’animatore: non prendo nessuno a scatola chiusa, perché non basta l’età o il frequentare la scuola superiore per fare l’animatore in oratorio
  3. Desidero creare e dare uno stile all’oratorio: sono molto esigente perché non voglio fare un oratorio qualunquista dove tutto è buono e dove ognuno fa quello che vuole.